Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il muro di Ceuta non ferma la disperazione

· Centinaia di migranti superano la barriera che circonda l’enclave spagnola in territorio marocchino ·

Le barriere non fermano i migranti. Ieri, centinaia di persone hanno preso d’assalto in quattro punti diversi il “muro” che separa l’enclave spagnola di Ceuta dal territorio del Marocco: dopo una enorme rissa con gli agenti della guardia civil spagnola, in circa 400 circa sono riusciti a sfondare e a entrare in territorio europeo. 

Agenti spagnoli a guardia di un gruppo di migranti (Ap)

È il primo grande blitz del 2017 — ricordano gli analisti — dei numerosi migranti subsahariani che cercano di arrivare nell’Unione europa da una delle due frontiere terrestri (l’altra è Melilla, l’enclave spagnola sempre in territorio marocchino) fra l’Africa e un paese comunitario. Il 9 dicembre scorso, in una operazione analoga, altri 800 migranti, uomini, donne e bambini provenienti dai più svariati paesi africani danneggiati da guerre, povertà e persecuzioni d’ogni tipo, avevano tentato di forzare il passaggio. In 438 ce l’avevano fatta. Anche a gennaio circa 1100 migranti avevano provato a entrare a Ceuta, ma la maggior parte di loro era stata respinta dalle forze di sicurezza. Nell’assalto di ieri cinque agenti spagnoli sono rimasti feriti, come pure circa 35 migranti che hanno riportato fratture, contusioni e tagli nella scalata del “muro”, o nella colluttazione con la polizia durante il tentativo di sfondare la rete. Almeno 55 profughi sono stati invece intercettati prima che riuscissero a toccare il suolo spagnolo ed europeo nella cosiddetta “terra di nessuno”, fra le recinzioni della enclave e sono stati respinti verso il Marocco.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE