Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il mondo ha bisogno di fede

· Incontro a Gerusalemme del presidente israeliano Peres con i rappresentanti delle comunità cristiane ·

Il presidente israeliano Shimon Peres ha ricevuto giovedì 29 dicembre i rappresentanti della comunità cristiana in Israele, in occasione della festa del Natale e del Capodanno. Durante l’incontro ha ricordato l'importante ruolo dei leader religiosi per la fede e per la pace. Nel suo discorso — riferisce il sito in rete del Patriarcato di Gerusalemme dei Latini — il presidente ha sottolineato che «il mondo ha bisogno di fede, della religione e della pace». Ed è per questo che «il ruolo dei leader religiosi è molto importante». Soprattutto, ha precisato, in questo momento in cui il quadro politico ed economico è più che incerto. Il presidente Peres ha osservato che l'economia globale si basa su fondamenti instabili, e che le reti sociali, come Facebook e Google, stanno diventando più potenti degli stessi Governi. Per questa ragione, la gioventù di oggi non è più cieca e vuole delle risposte alle domande che solleva.

Il presidente Peres ha quindi ricordato «il bisogno di Dio per avere un comportamento etico e morale e non solo pragmatico». Considerando essenziale il ruolo dell'istruzione, Shimon Peres ha ricordato che «i credenti possono offrire un cambiamento sostanziale all'umanità»: se la politica «divide» «la preghiera unisce». Nonostante le differenze. Il tradizionale incontro ha riunito ortodossi e latini nella residenza presidenziale di Beit Hanassi, su iniziativa del Ministero degli affari interni e religiosi. La parte cattolica era rappresentata dal Patriarca di Gerusalemme dei Latini, Fouad Twal, dal vescovo ausiliare di Gerusalemme dei Latini, William Hanna Shomali, dal vicario patriarcale per Israele, Giacinto-Boulos Marcuzzo Marcuzzo, dal vicario patriarcale per la comunità cattolica di lingua ebraica, padre David Neuhaus, e dal Custode di Terra Santa, padre Pierbattista Pizzaballa. Erano anche presenti alla riunione il Patriarca greco-ortodosso di Gerusalemme, Sua Beatitudine Teofilo III, e monsignor Aris Shirvanian, in rappresentanza del Patriarcato armeno di Gerusalemme.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE