Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Altri morti restituiti dal Mediterraneo

· Recuperati quattordici corpi lungo le coste di Tunisia e Libia ·

Migranti tratti in salvo nei pressi di Malta (Reuters)

La Guardia costiera tunisina ha recuperato ieri i corpi di 14 persone, in un tratto di mare vicino alle acque territoriali libiche. Tra i corpi, che sono stati trasportati nell’obitorio dell’ospedale di Ben Guardane, c'è quello di un bambino. I soccorritori stanno cercando di recuperare altri tre corpi nello stesso tratto di mare. Secondo fonti ospedaliere, le vittime potrebbero essere di nazionalità siriana, ma sono ancora in corso gli accertamenti. Altre cinque persone risultano disperse nel naufragio di un barcone, oggi, in acque algerine, al largo di Mostaganem. Unità della Marina algerina hanno tratto in salvo diciannove uomini aggrappati a camere d’aria di pneumatici che avevano gettato in acqua quando il natante aveva incominciato ad affondare.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE