Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Il martirio
e la libertà venduta

· ​Negli Stati Uniti il ricordo dei cristiani perseguitati anche per colpa dell’Occidente ·

  È stata celebrata ieri, domenica, negli Stati Uniti la giornata di preghiera per i cristiani perseguitati. L’iniziativa è stata promossa dalla Conferenza episcopale assieme ai Cavalieri di Colombo, al Catholic Rilief Services, alla Catholic Near East Association e ad Aiuto alla Chiesa che Soffre (Acs). 

Tra il 2015 e il 2017 la situazione dei cristiani in alcune aree del mondo è peggiorata a causa di violenze fisiche o della negazione alla libertà religiosa. Secondo un recente rapporto di Acs, la persecuzione dei cristiani è più grave oggi che in qualsiasi altro periodo storico. Si stima, infatti, che almeno duecento milioni di cristiani in circa una cinquantina di paesi siano perseguitati.
Con la Giornata di preghiera è partita anche l’iniziativa «Solidarietà nella sofferenza» («Solidarity in Suffering»), una settimana della consapevolezza e dell’educazione che si concluderà il prossimo 3 dicembre.
«La Giornata di preghiera nella solennità di Nostro Signore Gesù Cristo Re dell’Universo — afferma in un comunicato l’episcopato statunitense — è un momento adatto per riflettere sull’importanza della libertà religiosa e sui numerosi cristiani in tutto il mondo che sono perseguitati nei modi più inauditi».
Durante il discorso annuale rivolto ai vescovi nella recente assemblea plenaria di Baltimora, il cardinale Daniel N. DiNardo, arcivescovo di Galveston-Houston e presidente della Conferenza episcopale, aveva affermato: «Nella solennità di Cristo Re, chiedo che l’intera Chiesa negli Stati Uniti si unisca in modo speciale per una giornata di preghiera per i cristiani perseguitati al fine di esprimere la nostra solidarietà a coloro che soffrono. Concentrare l’attenzione sulla difficile situazione dei cristiani e di altre minoranze — ha spiegato — non significa ignorare la sofferenza degli altri, ma concentrarsi sulle persone più vulnerabili della società, rafforzare l’intero tessuto sociale e proteggere i diritti di tutti».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

28 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE