Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il giorno più bello

· ​Venticinque anni fa in Albania la prima messa dopo la dittatura ·

Il 4 novembre di venticinque anni fa un sacerdote, don Simon Jubani, celebrava nel cimitero cattolico di Scutari la prima messa pubblica in Albania dopo decenni di persecuzioni e proprio alla vigilia della caduta del regime comunista guidato dal dittatore Enver Hoxha, avvenuta nel dicembre successivo.

Un’immagine della messa celebrata a Scutari il 4 novembre 1990

Quell’evento è stato ricordato ieri al cimitero monumentale di Rrmaj di Scutari con una concelebrazione eucaristica alla quale hanno partecipato il cardinale arcivescovo emerito di Palermo, Salvatore De Giorgi, l’arcivescovo di Shkodrë-Pult, Angelo Massafra, il nunzio apostolico in Albania, arcivescovo Ramiro Moliner Inglés, il primo ministro Edi Rama, il ministro della Cultura, Mirela Kumbaro, il sindaco di Scutari, Voltana Ademi, e numerose altre personalità civili e religiose. Erano presenti migliaia di fedeli provenienti da tutto il Paese. «Con emozione e gioia, con questa messa a venticinque anni di distanza, celebriamo e riviviamo quella prima messa come segno di ribellione e di speranza», ha detto il cardinale De Giorgi, portando il «cordiale» saluto di Papa Francesco che il 21 settembre 2014 ha visitato Tirana e che «sempre ha ammirato la capacità di dialogo» del popolo albanese, esempio al mondo di convivenza religiosa. Da parte sua, monsignor Massafra ha sottolineato il coraggio di Jubani e di altri membri del clero che, sfidando la paura, celebrarono a cielo aperto il primo rito liturgico pubblico dal 1967, anno in cui Hoxha decise di vietare ogni manifestazione di culto.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE