Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il genio artistico celebra  l’intesa tra Stato e Chiesa

· Due capolavori in mostra all’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede per l’anniversario dei Patti Lateranensi e dell’Accordo di modificazione del Concordato ·

In occasione delle celebrazioni per l’ottantaduesimo anniversario dei Patti Lateranensi (11 febbraio 1929) e del ventisettesimo dell’Accordo di modificazione del Concordato (18 febbraio 1984), l’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede a Palazzo Borromeo esporrà, da venerdì 18 febbraio, due capolavori dell’arte sacra italiana, la Santa Lucia del Maestro dell’Osservanza, tavola quattrocentesca di proprietà della Fondazione Monte dei Paschi di Siena, e la Trinità di Lorenzo Lotto, olio su tela del 1523, di proprietà della parrocchia di Sant’Alessandro della Croce a Bergamo custodito nel Museo Bernareggi. «Con l’esposizione di opere d’arte così pregiate — afferma l’ambasciatore d’Italia presso la Santa Sede, Francesco Maria Greco — si intende sottolineare l’importanza e l’attenzione che viene attribuita alle relazioni con la Santa Sede non solo da parte del Governo, ma della stessa società italiana, soprattutto in quest’anno in cui ricorre il centocinquantesimo anniversario di vita unitaria». L’ambasciatore esprime inoltre soddisfazione e gratitudine per il fatto che Papa Benedetto XVI ha voluto «definire il 2011 come “l’anno del Giubileo” del nostro Paese». Anticipiamo il testo del ministro italiano degli Affari Esteri, Franco Frattini e alcuni stralci degli interventi che si succederanno nel corso dell’incontro e che sono riportati integralmente in una pubblicazione edita per l’occasione da Allemandi.

Un ponte ideale nel centocinquantesimo dell’Unità

Sulla scia di una positiva e assai apprezzata consuetudine, quest’anno, in occasione dell’82° anniversario dei Patti Lateranensi e del 27° dell’Accordo di modificazione del Concordato, Palazzo Borromeo ospita due capolavori del genio artistico italiano: la Santa Lucia , Patrona di Siracusa, attribuita al Maestro dell’Osservanza, tra i principali interpreti dell’arte senese del Quattrocento, e la Trinità di Lorenzo Lotto, pittore veneto giunto per volere di Papa Giulio ii a Roma nel 1509, a cui sarà dedicata un’importante e più doviziosa mostra presso le Scuderie del Quirinale.

Si tratta di due opere che idealmente collegano tutta la nostra penisola e che, non casualmente, sono state scelte per celebrare contestualmente il 150° anniversario dell’Unità d’Italia. Perché, come più volte sottolineato dal presidente della Repubblica e dallo stesso Santo Padre, la storia e la cultura del nostro Paese sono profondamente segnate dalla presenza e dall’influenza spirituale della Chiesa cattolica, la quale pertanto assume un ruolo di primo piano anche nella rievocazione del suo processo di unificazione. Vorrei rilevare, in questa occasione che ricorda l’intesa tra Chiesa e Stato, come il nostro Paese, nell’anno in cui celebra il 150° anniversario dell’unità nazionale, può dirsi orgoglioso di considerare la libertà religiosa tra i suoi valori fondanti, parte integrante della nostra identità culturale e ispirazione prioritaria della nostra azione di politica estera.

La presenza dei due capolavori a Palazzo Borromeo è stata resa possibile anche grazie alla Fondazione Bernareggi di Bergamo, ove è custodita la Trinità , e alla Fondazione Monte dei Paschi di Siena, proprietaria della Santa Lucia , che con il loro generoso contributo testimoniano l’altissima considerazione che l’Italia tutta, istituzioni e società civile, nutre nei confronti del Santo Padre e della Santa Sede.

Vorrei infine sottolineare come nel promuovere questa iniziativa, l’Ambasciata d’Italia presso la Santa Sede, pur nell’assoluta peculiarità di essere una rappresentanza diplomatica con sede nella propria capitale, abbia realizzato il core business di ogni nostra missione diplomatica, ossia promuovere il meglio della creatività italiana – compreso il nostro patrimonio artistico-culturale – e, ove possibile, concepirlo come strumento per consolidare e intensificare le relazioni bilaterali nei Paesi di rispettivo accreditamento.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE