Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il futuro
è presente

· ​Nelle Filippine il 2019 anno dei giovani ·

  I giovani saranno i protagonisti del 2019 nelle Filippine. La conferenza episcopale ha infatti dedicato il prossimo anno alle nuove generazioni, con una serie di iniziative che termineranno il 24 novembre. Nello stesso anno, i presuli hanno deciso che si terrà nel paese asiatico anche la Giornata nazionale della Gioventù. 

L’anno dei Giovani fa parte del «viaggio di nove anni per la nuova evangelizzazione» deciso dall’episcopato in preparazione al cinquecentesimo anniversario dell’arrivo della fede cristiana nelle Filippine (1521-2021). «Nel celebrare l’anno dei Giovani e la giornata della gioventù — ha detto l’arcivescovo di Cebu, monsignor Jose S. Palma — intendiamo portare più persone a seguire Gesù. L’anno 2019 è dedicato ai giovani che sono il futuro, ma anche il presente della Chiesa. Con la loro partecipazione attiva alla società e alla vita della Chiesa, ispirano tutti noi per l’evangelizzazione e la trasformazione sociale».
Nell’iter di preparazione alle celebrazioni giubilari del 2021 i primi anni sono stati dedicati alla formazione integrale della fede (2013), ai laici (2014), ai poveri (2015), all’Eucaristia e alla famiglia (2016), alla parrocchia come comunione di comunità (2017). L’anno 2018 è stato dedicato al clero e alle persone consacrate mentre, dopo l’anno dei Giovani (2019), gli ultimi due anni saranno dedicati all’ecumenismo e al dialogo interreligioso (2020) e alla missio ad gentes (2021). «Attendiamo con gratitudine e gioia il 16 marzo 2021, quinto centenario dell’arrivo del cristianesimo nelle Filippine. Ricordiamo con ringraziamento — ha aggiunto l’arcivescovo Palma — la prima messa celebrata sull'isola di Limasawa, la domenica di Pasqua, il 31 marzo di quell’anno. Ricordiamo il battesimo di Rajah Humabon, a cui fu dato il nome di battesimo Carlos, e di sua moglie Harah Amihan, che fu battezzata Juana, nel 1521. I nostri occhi guardano il santo Niño de Cebu, la più antica icona religiosa delle Filippine, dono di Ferdinando Magellano ai primi cattolici filippini».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE