Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il frutto
della guerra

Nagasaki, 1945. Un ragazzo con in spalla il fratellino morto nel bombardamento atomico, attende il suo turno per far cremare il corpicino senza vita. L’obiettivo del fotografo statunitense Joseph Roger O’Donnell fissò, nel vivido realismo del bianco e nero, quel momento insieme drammatico e composto. Un’immagine che, a distanza di oltre settant’anni, scuote ancora le coscienze. E che ha colpito molto Papa Francesco, il quale ha voluto farla riprodurre su un cartoncino, accompagnandola con un commento eloquente: «...il frutto della guerra», seguito dalla sua firma autografa. La breve didascalia in spagnolo stampata in calce suggerisce una chiave di lettura essenziale della foto, sottolineando in particolare la dignitosa sofferenza del bambino che ha perso il fratello: sofferenza che si percepisce appena dall’espressione delle labbra, che egli si morde fino a farle sanguinare..

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE