Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il fato e l’arte

· Offerta a Papa Francesco musica delle Riduzioni in Paraguay ·

Il 1972 è una data storica. Nessuna guerra, niente rivoluzioni. Un intervento del fato ha portato al fortunoso ritrovamento in Bolivia di circa 5000 manoscritti di brani musicali provenienti dalle Riduzioni gesuitiche in Sud America, consentendo la scoperta di tesori dei quali fino ad allora si avevano solamente notizie sommarie. 

 Ángel músico (Missione Santísima Trinidad del Paraná)

Da quel momento gli studi su quel repertorio si sono intensificati e diversi musicisti si sono dedicati al recupero di lavori che, tra il XVII e il XVIII secolo, portarno i linguaggi della musica barocca europea a fondersi con la tradizione locale. Lo scrive Marcello Filotei aggiungendo che tra gli studiosi più attivi figura Luis Szarán, che il 10 luglio ad Assunción ha diretto l’Orquestra Philomusica de Asunción e il Coro Espíritu Santo in un un programma dal titolo «La voz de Dios en la Selvas del Paraguay». Nel Palazzo presidenziale, alla presenza di Papa Francesco, sono stati proposti brani di quell’eredità culturale, iscritta nella lista del Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Un assaggio di un’epoca che Szarán conosce bene, essendo dal 1985 impegnato in un progetto di recupero e rivalutazione della produzione delle Riduzioni dell’America del Sud attraverso ricerche di documenti, trascrizioni, e ricostruzioni, proponendo anche edizioni critiche.

di Marcello Filotei

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

14 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE