Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il dramma delle spose bambine

· L’Unicef denuncia 700 milioni di casi nel mondo ·

Sono costrette a sposarsi ancora adolescenti, con uomini che potrebbero essere loro padri. Subiscono maltrattamenti e rischiano di morire di parto molto più rispetto a una donna adulta. 

Sono le spose bambine, 700 milioni in tutto il mondo. Di queste, il 17 per cento, ossia 125 milioni, vive in Africa. Questi i dati del nuovo rapporto del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef) presentato nei giorni scorsi a Lusaka, in Zambia, in occasione del vertice dell’Unione africana sulle bambine. Se gli attuali livelli rimarranno stabili il numero totale delle spose bambine in Africa, è l’allarme dell’Unicef, aumenterà dai 125 milioni ai 310 milioni entro il 2050. Entro il 2050 il continente africano sorpasserà l’Asia come regione con il più alto numero di donne di età compresa tra i 20 e i 24 anni che si sono sposate da bambine. L’Unione africana, lo scorso maggio, ha lanciato in tutto il continente una campagna per porre fine al matrimonio infantile. A questo ha fatto seguito un piano di azione per i governi per ridurre il tasso di matrimonio infantile aumentando l’accesso delle bambine alla registrazione alla nascita, a un’istruzione di qualità; così come il rafforzamento e la messa in pratica di leggi e politiche che proteggano i diritti delle bambine e delle adolescenti e proibiscano il matrimonio prima dei 18 anni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE