Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Il dramma dei bambini soldato

· Una piaga diffusa soprattutto in Africa e Medio oriente ·

Un gruppo armato attivo nel Sud Sudan ha rilasciato 119 bambini soldato. A darne notizia è stato l’Unicef, il fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia. Il gruppo, che è il South Sudan National Liberation Movement (Sslm), ha liberato 48 bambine, la più piccola di dieci anni. «È uno sviluppo incoraggiante, ma la strada è ancora lunga prima che 19.000 bambini arruolati tornino alle loro famiglie» ha detto Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’Unicef nella regione.

L’annuncio della liberazione è arrivato ieri, in concomitanza con la giornata internazionale contro l’uso dei bambini soldato. Per l’occasione Papa Francesco ha scritto in un tweet: «Migliaia di bambini, costretti a combattere nei conflitti armati, sono derubati della loro infanzia. Fermiamo questo crimine abominevole». Quella dei bambini soldato è una piaga gravissima presente in moltissimi paesi africani. I bambini rilasciati nel 2018 da gruppi nelle vicinanze di Juba, Bentiu, Pibor e Western Equatoria, sono stati inseriti in un programma di reintegrazione guidato proprio dall’Unicef e i suoi partner. Servizi forniti dai programmi di reintegrazione sono cure mediche, supporto psicosociale, istruzione formale e formazione professionale. In occasione della giornata internazionale, l’Unicef ha diffuso un rapporto nel quale si ricorda che in Sud Sudan sono oltre 19.000 i minorenni utilizzati come bambini soldato; in seguito allo scoppio della guerra civile migliaia di bambini sono stati coinvolti nel conflitto e sono tutt’ora nelle mani dei gruppi armati, costretti a subire ogni genere di sfruttamento. Ma la piaga dei bambini soldato riguarda tutta l’Africa e il Medio oriente. Nel 2017 rispetto all’anno precedente, l’arruolamento e l’utilizzo dei più piccoli è quadruplicato nella Repubblica Centrafricana, mentre è raddoppiato nella Repubblica Democratica del Congo (oltre 1.000 casi), nel Sud Sudan (1.200), in Siria (quasi 1.000) e nello Yemen (850), mentre rimane sempre molto alto in Somalia (oltre 2.000).

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE