Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il dramma degli sfollati in Iraq

· Dal 2009 aumentati del 25 per cento per il perdurare delle violenze ·

Gli iracheni che vivono nei campi di sfollati all'interno del Paese sono aumentati del 25 per cento dal 2009: lo ha reso noto un responsabile dell'Alto commissariato delle Nazioni Unite (Unhcr) a Baghdad. Il perdurare delle violenze, del resto, non aiuta certo ad alleviare una situazione che rischia di diventare sempre più critica. Secondo Daniel Endres, rappresentante dell'Unhcr in Iraq, vi sono ufficialmente 1,5 milioni di iracheni sfollati: 500.000 di essi vivono nei campi. A Baghdad ve ne sono 260.000.  Intanto l'Unione europea ha condannato i recenti attentati in Iraq, in cui sono morte più di cento persone. «L'alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza europea, Catherine Ashton — si legge in una nota — esprime la sua tristezza per questi attacchi e invia le sue condoglianze alle famiglie delle vittime di questa atroce violenza e alle autorità irachene». L'Ue incoraggia poi tutte le entità politiche in Iraq a impegnarsi in modo costruttivo nei colloqui necessari per formare un Governo stabile, che sia in grado di affrontare tutte le sfide che l'Iraq ha di fronte, non ultima quella della sicurezza.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE