Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il dialogo antidoto alla violenza

· In preparazione al quinto congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali ·

Procede a passo spedito la preparazione del quinto congresso dei leader delle religioni mondiali e tradizionali, in programma nel prossimo giugno ad Astana, in Kazakhstan. 

I leader delle religioni mondiali riuniti ad Astana nel 2012

Un’iniziativa nata in Vaticano, durante una visita del presidente della Repubblica kazaka, Nursultan Nazarbayev, a Giovanni Paolo II. In quella occasione il presidente chiese il sostegno della Santa Sede al suo Paese nell’avviare un’iniziativa di dialogo tra le religioni. Richiesta subito accolta: infatti la Chiesa non solo prende iniziative di dialogo, ma le incoraggia e le sostiene quando si accorge della loro bontà. In seguito all’assicurazione del Pontefice e dietro indicazioni del cardinale segretario di Stato, il Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso ha inviato nel Paese centro-asiatico il capo ufficio per l’islam. È stato l’inizio di una collaborazione che continua in maniera stretta. Ne è testimonianza non solo la partecipazione del rappresentante del dicastero ai lavori del segretariato, ma anche a quelli del gruppo di lavoro che hanno avuto luogo ad Astana nel settembre scorso.

di Khaled Akasheh, Capo ufficio per l’islam del Pontificio Consiglio per il dialogo interreligioso

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE