Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il costo della guerra

· ​Tre milioni di bambini senza istruzione a causa del conflitto in Siria ·

Tre milioni di bambini in Siria non hanno la possibilità di andare a scuola. In oltre quattro anni di conflitto i tassi di iscrizione alle scuole dell’obbligo si sono dimezzati e nelle zone più colpite dagli scontri, come quella di Aleppo, hanno accesso all’istruzione appena il sei per cento dei bambini.

A fronte di quello che prima della guerra era uno dei migliori sistemi di educazione di base al mondo, si assiste oggi a una generazione perduta in termini di istruzione. Sono questi i dati inquietanti di un rapporto presentato dall’organizzazione non governativa Save the Children a Kuwait City, dove ieri si è tenuta la terza conferenza dei donatori per la Siria promossa dall’Onu. Il rapporto, intitolato Il costo della guerra, aggiunge che un quarto delle scuole sono state distrutte e che oltre un quinto degli insegnanti sono stati uccisi o sono fuggiti. La conferenza a Kuwait City, che aveva ospitato anche quelle del 2013 e del 2014, si è conclusa con assunzioni di impegni per meno della metà della cifra chiesta dall’Onu, nonostante un aumento di fondi assicurato da alcuni soggetti internazionali, come l’Unione europea, che ha annunciato un miliardo e duecento milioni di dollari, e lo stesso Kuwait, che ne ha stanziati cinquecento milioni. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE