Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il cordoglio del Papa per la morte del cardinale Daoud

Il cardinale siriano Ignace Moussa i Daoud è morto la mattina del Sabato santo, 7 aprile, a Roma. Era prefetto emerito della Congregazione per le Chiese Orientali e Patriarca emerito di Antiochia dei Siri. Il Papa appresa la notizia si è raccolto in preghiera e ha fatto pervenire a Sua Beatitudine Ignace Youssif ii Younan, Patriarca di Antiochia dei Siri, il telegramma che pubblichiamo di seguito in una nostra traduzione italiana.

Apprendendo con dolore della morte di Sua Beatitudine il Cardinale Ignace Moussa i Daoud, Patriarca emerito di Antiochia dei Siri e Prefetto emerito della Congregazione per le Chiese Orientali, tengo a esprimerle la mia unione nella preghiera con la sua Chiesa patriarcale, con la famiglia del defunto e con tutte le persone colpite da questo lutto. In questi giorni in cui celebriamo la resurrezione del Signore, ricordandomi dei popoli della regione che vivono momenti difficili, lo prego di accogliere nella sua gioia e nella sua pace l’anima di questo Pastore fedele che si è dedicato con fede e generosità al servizio del Popolo di Dio. In pegno di conforto, imparto di tutto cuore a lei, Beatitudine, la Benedizione apostolica, che estendo ai Vescovi, ai sacerdoti e ai fedeli del Patriarcato di Antiochia dei Siri, ai membri della famiglia del defunto e a tutte le persone che prenderanno parte nella speranza alla liturgia esequiale.

BENEDICTUS PP XVI

Analogo telegramma è stato inviato dal cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE