Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il confessionale
in carcere

Per la prima volta Papa Francesco confesserà alcuni giovani detenuti in un carcere minorile. Lo farà nel corso della liturgia penitenziale che si svolgerà venerdì 25 gennaio, nel Centro de cumplimiento de menores Las Garzas de Pacora, durante la Gmg di Panamá. Lo ha annunciato Alessandro Gisotti, direttore “ad interim” della Sala stampa della Santa Sede, nel briefing tenuto venerdì 18, per illustrare il programma del viaggio apostolico di Papa Francesco a Panamá — che si svolgerà da mercoledì 23 a lunedì 28 — in occasione della XXXIV Giornata mondiale della gioventù. Per la liturgia penitenziale all’interno del centro un gruppo di giovani detenuti sta preparando i confessionali.

Un altro momento molto significativo della Gmg sarà la visita che il Pontefice compirà domenica 27 all’Hogar del Buen Samaritano Juan Díaz. La struttura della Chiesa panamense ospita giovani e adulti colpiti dall’Aids. Proprio all’Hogar il Papa lascerà in dono una scultura del buon Pastore.

Il direttore ha poi spiegato che nei quattro giorni di permanenza Francesco terrà dieci interventi, di cui tre omelie, sei discorsi e un Angelus, tutti pronunciati in lingua spagnola. Sarà questo il ventiseiesimo viaggio internazionale del Pontefice. E con Panamá diventano quaranta i paesi da lui visitati.

Gisotti ha ricordato che con questo viaggio è la seconda volta che un Pontefice visita Panamá. Il precedente è stato il 5 marzo 1983, quando Giovanni Paolo II  sostò nel paese per una giornata. È anche la prima volta che Jorge Mario Bergoglio mette piede sul territorio panamense.

La scelta di celebrare la Gmg nel mese di gennaio, ha spiegato ancora Gisotti, è dovuta all’attenzione particolare del Pontefice verso i giovani di quella regione, che in questo periodo non vanno a scuola. Tra le celebrazioni previste, signficativa la dedicazione dell’altare della cattedrale basilica Santa María La Antigua, situata nel casco viejo a Panamá.

Diversi saranno i temi a cui il Papa dedicherà attenzione durante la Gmg. Tra questi, troveranno spazio la salvaguardia della casa comune, il ricordo della luminosa testimonianza di san Óscar Arnulfo Romero y Galdámez, e l’attenzione alle problematiche specifiche delle popolazioni indigene. Questa Giornata mondiale, ha sottolineato in conclusione il direttore, sarà anche un segno di riconciliazione e di pace per un’area del mondo molto tribolata.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE