Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il cardinale Bertone sulla perquisizione  dell'arcivescovado di Malines-Bruxelles

«Un sequestro, un fatto grave e inaudito»: così si è espresso il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, a proposito delle perquisizioni effettuate giovedì scorso dalle autorità giudiziarie e dalle forze di polizia del Belgio nell'arcivescovado di Malines-Bruxelles, dove era in corso una riunione della Conferenza episcopale. «Non ci sono precedenti nemmeno nei regimi comunisti» ha commentato il porporato, ribadendo «la condanna della pedofilia» ma facendo notare che i presuli «sono stati tenuti per nove ore senza bere né mangiare». Parlando a  margine di un simposio internazionale di docenti universitari dove aveva tenuto una relazione, il cardinale Bertone ha anche auspicato che la crisi dello stabilimento della Fiat a Pomigliano d'Arco sia risolta con «decisioni a favore delle persone, delle famiglie, del lavoro, per uno sviluppo umano integrale».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE