Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il cardinale Bertone in Cile per il bicentenario dell'indipendenza

· Giunto il 6 aprile a Santiago, rientrerà mercoledì 14 ·

Nel bicentenario dell'indipendenza del Cile, il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, compie una visita ufficiale nel Paese andino dove è giunto martedì 6 aprile.

Dopo essersi recato nel 2007 in Perú e in Argentina, nel 2008 a Cuba e nel 2009 in Messico, il cardinale Bertone torna nel continente ibero-americano, a poco più di un mese dal devastante terremoto che il 27 febbraio scorso ha sconvolto il Cile. La capitale Santiago, Punta Arenas, Concepción, nella zona dell'epicentro del terribile sisma, Talcahuano e Maipú, le tappe del viaggio che si protrarrà fino al 14 aprile.

Nel fitto calendario di appuntamenti, spicca mercoledì 7, al palazzo presidenziale de La Moneda, l'incontro con il nuovo capo dello Stato, Sebastián Piñera. Nel pomeriggio il volo verso Punta Arenas, dove giovedì 8 il segretario di Stato visiterà il museo della Patagonia e il museo salesiano, prima di celebrare la messa in cattedrale. Venerdì 9, il porporato giungerà a Concepción, dove celebrerà l'Eucaristia nell'atrio della cattedrale. Seguiranno la visita alla vicina Università Cattolica della Santísima Concepción e una sosta per salutare i giovani riuniti intorno alla statua di san Giovanni Bosco lungo la strada per Talcahuano. Qui, nel pomeriggio, il cardinale visiterà il villaggio Libertad e benedirà la cappella Nuestra Señora de la Paz.

Densa di impegni anche la giornata di sabato 10, con la visita mattutina al santuario di Santa Teresa de Los Andes in Auco, il pranzo a Las Termas del Corazón e il trasferimento pomeridiano al santuario di Sant'Alberto Hurtado per la messa con le comunità di vita consacrata.

L'11 aprile a Santiago sono in programma le tradizionali celebrazioni del Quasimodo, che nella prima domenica dopo Pasqua rinnovano un antico rituale eucaristico, risalente al XVI secolo. Il cardinale vi prenderà parte a Colina, poi nel pomeriggio presiederà nella cattedrale metropolitana la messa concelebrata dai presuli cileni e consegnerà solennemente alla Chiesa e al popolo la statua della Madonna del Carmine, patrona della Nazione: l'immagine mariana, che sarà portata in tutte le diocesi del Paese, è stata benedetta dal Papa all'udienza generale del 24 marzo.

La mattina di lunedì 12 è in agenda la partecipazione alla sessione inaugurale della 99ª assemblea plenaria della Conferenza episcopale cilena. Nel pomeriggio il cardinale Bertone terrà una conferenza alla Pontificia Università Cattolica del Cile sul tema «La Chiesa e lo Stato a 200 anni dall'Indipendenza nazionale. Storia e prospettive».

La giornata di martedì 13 è dedicata a incontri con gli imprenditori del Paese, con gli organizzatori della visita, con le comunità salesiane e con i vescovi emeriti e i preti anziani.

L'ultimo giorno, mercoledì 14, il porporato si recherà a Maipú per la messa nel Tempio votivo nazionale. Poi in nunziatura festeggerà il v anniversario di pontificato di Benedetto XVI, prima di ripartire per Roma.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

18 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE