Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il capolavoro

· All’udienza generale il Papa indica l’uomo e la donna come culmine della creazione ·

Dio custodisce e protegge con tenerezza il suo «capolavoro», l’uomo e la donna creati per dar vita a «un’alleanza» di comunione e di pienezza. Lo ha ricordato il Papa all’udienza generale di mercoledì 22 aprile, in piazza San Pietro. Proseguendo la catechesi sul racconto della creazione dell’essere umano, Francesco ha sottolineato che «la donna non è una “replica” dell’uomo» ma «viene direttamente dal gesto creatore di Dio». L’immagine della «costola» da cui nasce, ha spiegato, non esprime infatti «inferiorità o subordinazione, ma, al contrario, che uomo e donna sono della stessa sostanza e sono complementari».

Gustav Klimt, «Adamo ed Eva» (1917)

Nel descrivere la scena biblica della creazione, il Pontefice ha fatto notare che Dio plasma la donna solo dopo aver visto che Adamo è «solo nel giardino». All’uomo, ha sottolineato, «mancava qualcosa per arrivare alla sua pienezza, gli mancava la reciprocità». E non a caso, quando «Dio presenta la donna, l’uomo riconosce esultante che quella creatura, e solo quella, è parte di lui. Finalmente c’è un rispecchiamento, una reciprocità».

Questa armonia viene messa in discussione dal peccato, che «genera diffidenza e divisione fra l’uomo e la donna». In proposito il Papa ha denunciato le «molteplici forme di maschilismo» che hanno segnato la storia dell’umanità, così come la «strumentalizzazione» e la «mercificazione del corpo femminile nell’attuale cultura mediatica». Francesco ha anche lanciato un grido d’allarme di fronte «alla recente epidemia di sfiducia, di scetticismo e persino di ostilità che si diffonde nella nostra cultura riguardo a un’alleanza fra uomo e donna che sia capace di affinare l’intimità della comunione e di custodire la dignità della differenza». Da qui l’appello a ritrovare «un soprassalto di simpatia per questa alleanza» in modo da «porre le nuove generazioni al riparo dalla sfiducia e dall’indifferenza».

La catechesi del Papa

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE