Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il cammino
è già una preghiera

· Pellegrinaggio ecumenico per la pace da Winchester a Canterbury ·

«Camminare è una preghiera per la pace»: è questo il tema del pellegrinaggio ecumenico da Winchester a Canterbury, nell’Inghilterra meridionale, che iniziato sabato 13, si concluderà domenica 28. Importante iniziativa promossa dalla diocesi di Arundel and Brighton, con la partecipazione di comunità e gruppi di differenti tradizioni cristiane. 

Anche quest’anno il pellegrinaggio ecumenico è stato pensato per essere un’occasione per riflettere sul significato del camminare insieme nella storia religiosa britannica e sul presente del dialogo ecumenico nel Regno Unito. Infatti, proprio la scelta dell’itinerario — secondo i promotori — offre la possibilità di ripercorrere una delle vie che per secoli, come attestano le fonti della vita delle comunità cristiane inglesi fin dal Medioevo, ha costituito un percorso privilegiato dei cristiani che si recavano a Canterbury in segno di conversione personale.

Al tempo stesso questo cammino consente di cogliere l’importanza di un dialogo ecumenico che sappia operare nella società contemporanea rilanciando dei temi, come la pace, la convivenza, la custodia del creato, con i quali cominciare a costruire un domani nel quale i valori cristiani risultino fondamentali.

Con questo pellegrinaggio, la cui prima edizione risale al 1975, si vuole così proseguire quel “cammino ecumenico” che porta alla riscoperta del patrimonio cristiano nella sua unità, cogliendo le ricchezze delle diverse tradizioni, anche alla luce della pluralità di Chiese e comunità ecclesiali che sono nate in Inghilterra in questi ultimi decenni. Si tratta, insomma, di una tradizione ecumenica con la quale riscoprire un rapporto diretto con Dio immersi nella natura, per comprendere cosa Dio chiede ai singoli e alle comunità in un tempo di difficoltà, per rafforzare la propria fede nell’incontro e nella condivisione e per approfondire la comunione di tutti i credenti che hanno vissuto la stessa esperienza del pellegrinaggio nel passato. (riccardo burigana)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE