Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il cammino di Pietro

· Mostra a Castel Sant’Angelo ·

Inaugurata dal cardinale segretario di Stato

Il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato, inaugura mercoledì 6 a Castel Sant’Angelo la mostra intitolata: «Il Cammino di Pietro», organizzata  nell’Anno della Fede, nella memoria del Concilio Vaticano II, che si apriva 50 anni fa, e a vent’anni dalla pubblicazione del Catechismo della Chiesa Cattolica.

«Quando si tratta di comunicare le verità più elevate, si deve lasciare il segno, con il migliore repertorio di mezzi, materie, gesti e parole a nostra disposizione. La Chiesa da sempre incoraggia l’amore per l’arte», sottolinea il porporato indicando alcune chiavi di lettura dell’esposizione e ribadendo che «l’avventura umana e spirituale di Simon Pietro ci ricorda che la fede non è il risultato di un nostro procedimento razionale, e non è neppure una qualunque eredità che ci è stata trasmessa, seppur guadagnata col sangue. La fede è un dono di Dio che, se pienamente vissuta, non lascia l’uomo nella condizione infelice della mediocrità».

Se è vero che la storia dell’apostolo Pietro ricorda a tutti noi come sia necessaria l’audacia della fede e della speranza, non si può dimenticare, ha aggiunto il segretario di Stato, che «la fede cristiana non è un freddo e arrogante possesso di verità da impugnare, ma è l’essere conquistati dalla rivelazione che Dio è l’amore su cui possiamo contare, nonostante tutti i motivi di fatica, di affanno e di preoccupazione che potrebbero talvolta prenderci alla gola».

Concludendo il suo intervento all’inaugurazione della mostra il cardinale si è rivolto ai non credenti, certo che «nella quotidiana fatica per l’edificazione di una società sana, il cristianesimo sarà sempre un alleato tenace e affidabile». Allo stesso modo, ha rilevato ancora, tutte le democrazie del mondo sanno che «nessuna società può reggersi senza un’alleanza forte tra i suoi membri, fatta di fiducia reciproca, di legami, di impegno per la giustizia e di responsabilità che si sviluppano quando si condividono i valori fondati sulle istanze della ragione».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE