Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il Brasile e la questione
dell’integrazione

· La giornata della coscienza nera ·

In novembre, esattamente il 20, si celebra in Brasile la giornata nazionale della coscienza nera, istituita nel 2003 per valorizzare il contributo della cultura di origine africana nella creazione dell’identità nazionale. L’appuntamento rappresenta anche un momento di riflessione sulla reale integrazione dei neri nella società brasiliana. La data del 20 novembre è simbolica perché coincide con quella della morte in battaglia di Zumbi dos Palmares avvenuta nel 1696. Zumbi fu l’ultimo e il più famoso capo degli agglomerati autonomi fondati dagli schiavi in fuga, i quilombos, dove venivano riproposti, in chiave comunitaria, i modelli della cultura originaria africana. Ancora oggi nel grande paese sudamericano, i neri denunciano forme, seppure sottili, di discriminazione. Come è accaduto di recente in occasione della principale fiera letteraria nazionale, che si svolge nell’impareggiabile scenario di Parati, dello stato di Rio de Janeiro. Quest’anno tra gli invitati non figurava nemmeno uno scrittore nero e solo dopo molte proteste è stato annunciato che nel 2017 sarà reso omaggio a Lima Barreto, giornalista afro-brasiliano, figlio di una famiglia povera, che nei suoi libri ha ripercorso, con occhio critico, le ingiustizie sociali e la discriminazione di cui è stato vittima in prima persona. Malgrado i passi in avanti compiuti è quindi necessario continuare con una capillare opera di sensibilizzazione. In questo senso, la giornata della coscienza nera non è considerata un giorno di riposo e di festa, ma di mobilitazione, come spiega Lúcia Xavier Castro, fondatrice di una ong che dal 1992 si occupa della promozione dei diritti delle donne nere. Parlando all’Osservatore Romano, Lúcia sottolinea come questa giornata debba evidenziare i problemi che i neri ancora affrontano nella società brasiliana.

da Fortaleza
Federico Jorio

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE