Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il barbaro meraviglioso

· Le sculture di Igor Mitoraj incastonate nella Piazza dei Miracoli a Pisa ·

La genesi di un artista è sempre un processo affascinante che tuttavia è necessario conoscere e capire se si vuole fare opera di storico.

Igor Mitoraj«Ikaro caduto» (2012)

E dunque come nasce all’arte Igor Mitoraj, questo meraviglioso “barbaro” che ha studiato a Cracovia, che viene dai Paesi iperborei al di là del limes romano? A porsi la domanda è il direttore dei Musei Vaticani, Antonio Paolucci, in un saggio per il catalogo che accompagna la mostra «Igor Mitoraj. Angeli» che sarà aperta al pubblico dal 17 maggio al 15 gennaio a Pisa, del quale anticipiamo alcuni stralci. In mostra circa cento opere, tra cui sculture monumentali, bronzi, fusioni in ghisa e disegni. Saranno inoltre esposti cinquanta gessi, per la prima volta raccolti in un’unica esposizione, a formare l’ideale gipsoteca dell’artista. La mostra pisana svela inoltre, per la prima volta, la produzione meno nota del maestro Mitoraj: la pittura.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE