Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il Bangladesh chiede aiuto

· Appello alla comunità internazionale a farsi carico della crisi dei rohingya ·

Il governo del Bangladesh ha rivolto un appello alla comunità internazionale a farsi carico della grave crisi umanitaria che sta colpendo i rohingya fuggiti in massa dal Myanmar, sostenendo che «questo non è più un affare interno del Myanmar, ma una vera e propria catastrofe regionale».

Due profughi rohingya in un campo profughi nel Bangladesh (Afp)

Diversi media locali spiegano che, dopo aver ottenuto il via libera dal premier, Sheikh Hasina, il ministro delle finanze, Abul Maal Abdul Muhith, si è recato a Washington per chiedere assistenza finanziaria alla Banca mondiale. Nella capitale degli Stati Uniti è in corso di svolgimento l’annuale conferenza congiunta della Banca mondiale del Fondo monetario internazionale. Dacca invierà nei prossimi giorni una richiesta formale di aiuto. Il noto quotidiano bengalese «The Daily Star» riporta un intervento tenuto ieri dal ministro degli esteri di Dacca, Mahmood Ali, in una conferenza stampa, durante la quale Ali ha chiesto che si esercitino al più presto pressioni internazionali affinché le autorità del Myanmar facciano rientrare i 500.000 rohingya fuggiti in Bangladesh. Le violenze dei militari governativi sono cominciate il 25 agosto, motivate da un attacco terroristico di gruppi legati ai rohingya. Nello stesso intervento, il capo della diplomazia bengalese ha poi ricordato che — stando alle sue fonti — almeno 3000 rohingya sarebbero stati uccisi dai militari nelle ultime sei settimane e che, secondo l’organizzazione umanitaria Human Rights Watch, circa 300 villaggi della minoranza etnica musulmana sarebbero stati incendiati e rasi al suolo con bulldozer. Queste violenze sarebbero avvenute nel Rakhine, lo stato del Myanmar dove i rohingya vivono.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Presentazione Della Giornata Missionaria Mondiale

19 ottobre 2017

Prossimi eventi

NOTIZIE CORRELATE