Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Il bacio del traditore

· Alle origini dell’iconografia di Giuda Iscariota ·

L’ultimo segmento della vita terrena del Cristo è scandito da un crescendo drammatico ed è animato da personaggi che, con rapide apparizioni, costellano uno scenario tragico, che funge da suggestivo fondale di una morte annunciata.

«Il bacio di Giuda» (VI secolo, particolareRavenna, basilica di Sant’Apollinare Nuovo)

 Tra queste figure emerge, in tutta la sua ambiguità, quel Giuda Iscariota che, nei Vangeli sinottici, viene sempre nominato per ultimo tra i dodici apostoli, con l’appellativo eloquente e sprezzante di “traditore” (Matteo 10, 4, Marco 3, 19, Luca 6, 16). Sono poche le coordinate che disegnano la figura, se conosciamo solo il nome del padre Simone e se interpretiamo il soprannome di Iscariota riferendolo alla località di Qèrijjoth, da dove proveniva la famiglia e dove — con buon margine di probabilità — era nato. Nel repertorio figurativo paleocristiano soltanto nel maturo iv secolo, appare la scena del bacio, ma senza dimenticare il pagamento del prezzo del tradimento, la restituzione dei trenta denari e l’impiccagione. Parallelamente, sempre nello stesso periodo cronologico, spuntano le formule imprecatorie nell’epigrafia funeraria paleocristiana, minacciando gli eventuali violatori dei sepolcri che avrebbero patito la grave sorte di Giuda.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE