Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I vescovi umbri nelle zone terremotate

· Guidati dal cardinale Bassetti ·

Perugia, 6. La Conferenza episcopale umbra ha tenuto oggi la sua riunione periodica nelle zone della Valnerina colpite dal recente terremoto. I presuli, guidati dal cardinale arcivescovo di Perugia - Città della Pieve, Gualtiero Bassetti, si sono ritrovati in mattinata a Piedivalle di Preci per osservare ciò che resta dell’abbazia di San Eutizio. Da lì, hanno proseguito in direzione Ancarano di Norcia, con sosta davanti alle macerie della chiesa di San Salvatore a Campi. Sempre ad Ancarano i vescovi hanno tenuto la loro riunione e, al termine, condiviso il pranzo con gli sfollati nel campo allestito alle spalle della chiesa della Madonna Bianca, uno dei pochissimi luoghi di culto non sventrati completamente dal sisma, ma che comunque è inagibile e con diverse parti, tra cui il campanile, a rischio crollo.

Nel pomeriggio la delegazione è entrata nella “zona rossa” di Norcia per osservare i gravi danni che il terremoto ha causato alle case e alle chiese, tra cui la concattedrale di Santa Maria e la basilica di San Benedetto. La visita si è conclusa nella tensostruttura adibita a centro pastorale e posizionata nella pista di pattinaggio della città, con la concelebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Bassetti.
Sempre nell’ambito delle manifestazioni di solidarietà espresse dalla Chiesa ai terremotati di Marche, Umbria e Lazio, la diocesi di Rieti, in collaborazione con la Caritas Italiana, ha donato al Comune di Amatrice venticinque container abitativi, che sono in consegna in queste ore secondo una graduatoria stilata in base alle esigenze più serie, soprattutto tra allevatori e coltivatori.

Intanto, una buona notizia viene da Cascia, dove domenica scorsa è stata riaperta la basilica di Santa Rita, essendo stati conclusi i lavori di consolidamento resisi necessari per i danni subiti dalla struttura nel corso del recente sisma.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

05 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE