Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per un trattamento umano

· I vescovi statunitensi sull’immigrazione cubana ·

Disappunto per la decisione dell’amministrazione Obama di revocare la politica delle “porte aperte” verso gli immigrati clandestini cubani è stata espressa dalla Conferenza episcopale statunitense. In una dichiarazione diffusa anche dal sito in rete dell’episcopato, monsignor Joe Steve Vasquez, vescovo di Austin e presidente della commissione sulle migrazioni, si è detto «deluso» per un provvedimento che improvvisamente cancella una norma che è stata un «modello di trattamento umano» del fenomeno migratorio.

Il provvedimento dell’amministrazione statunitense, varato a pochi giorni dal cambio della guardia alla Casa Bianca, pone fine alla cosiddetta norma dei “piedi asciutti - piedi bagnati” (wet foot - dry foot) che concede automaticamente la residenza agli immigrati cubani che arrivano negli Stati Uniti senza visto. «Con effetto immediato, i cittadini di Cuba che cercheranno di entrare illegalmente e che non siano qualificati per avere assistenza umanitaria saranno soggetti al rimpatrio a Cuba, secondo le leggi degli Stati Uniti», ha spiegato il presidente Barack Obama in una nota, sottolineando come «con questa misura tratteremo i migranti cubani allo stesso modo in cui trattiamo i migranti di altri Paesi».

Fu il presidente Bill Clinton a introdurre questo “regime speciale” 22 anni fa. Ma dopo la storica svolta che ha portato alla ripresa delle relazioni diplomatiche tra Stati Uniti e Cuba, per Obama la norma era oramai divenuta obsoleta: «Appartiene ad un’altra era», ha spiegato. L’abrogazione della regola del wet foot - dry foot era stata una delle richieste principali di Cuba al tavolo dei negoziati con Washington.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

07 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE