Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I principi etici sostengono la democrazia

· Nuovo appello dei vescovi del Perú a pochi giorni dalle elezioni ·

«L'esercizio della democrazia deve rispettare i principi etici vincolati alla promozione del bene comune». A pochi giorni dalle elezioni politiche 2011, che si terranno il 10 aprile, dove i peruviani dovranno eleggere il prossimo presidente della Nazione e i rappresentanti del Congresso della Repubblica, i presuli del Perú ricordano ai fedeli l'invito rivolto ai candidati dalla Conferenza episcopale durante la sua novantasettesima assemblea ordinaria, in cui li sollecitava a promuovere lo sviluppo umano integrale e il rispetto della dignità umana, il matrimonio e la famiglia.

Il messaggio dei vescovi invita i candidati presidenziali a considerare che lo sviluppo sociale «dovrebbe essere basato sul rispetto e la promozione dei diritti umani, sull'accesso ai servizi sanitari di base, nutrizione, acqua, istruzione, alloggi e sulla sicurezza pubblica, in particolare per i più poveri». Un altro punto evidenziato è il fenomeno della corruzione, perché questa piaga «continua a minare lo sviluppo sociale e politico del nostro popolo» e lacera il tessuto della convivenza tra le persone.

«È mancata — scrivono i presuli — una forte volontà e l'impegno esemplare delle nostre autorità, la vigilanza e la collaborazione efficace di tutti i cittadini e, soprattutto, manca a tutti una forte coscienza etica e morale». Il processo elettorale, allora, è l'occasione per richiedere la presentazione di programmi che «si oppongano in modo coraggioso alle varie forme di corruzione, sia tra i membri del governo come nei settori di attività pubblica e privata».

I vescovi hanno anche chiesto ai fedeli di «stare attenti alle proposte che violano la legge naturale, il rispetto della dignità umana, della verità e della giustizia pratica», perché «andare contro questi principi significa ignorare la nostra realtà naturale. Cercare di cambiare questi principi porterà gravi conseguenze per la società, e gli sconfitti saranno sempre i più deboli. Pertanto il rispetto e la difesa della vita dal primo momento del concepimento fino alla morte naturale deve essere presente in qualsiasi proposta. Non si può accettate assolutamente l'aborto, l'eutanasia, o la manipolazione genetica».

I cinque candidati che continuano ad avere le maggiori preferenze fra la popolazione sono: Toledo, Kuczynski, Castañeda, Humala e Kiko Fujimori. Secondo la stampa locale, dopo diversi anni, in Perú ci saranno più di due candidati a contendersi realmente il posto di presidente al termine di una campagna elettorale molto ricca di presentazioni pubbliche e dibattiti.

Il documento diffuso al termine della novantasettesima assemblea dei vescovi è intitolato «Al servizio della dignità umana e del bene comune», e riafferma che la dignità della persona è al centro della preoccupazione sociale della Chiesa. Di fronte all’evento importante delle elezioni i presuli ricordano che la Chiesa ritiene che l’esercizio della politica sia un servizio alla nazione e quindi i candidati debbano ricordare che questo è il senso ultimo della loro attività.

Nel documento i vescovi rilevano di non avere nessuna preferenza elettorale e ribadiscono che l’unico loro dovere è quello di orientare i fedeli nelle questioni in cui ci siano implicazioni religiose e morali che contraddicano gli insegnamenti della Chiesa e i principi della dottrina sociale cristiana. Perciò, aggiungono, «abbiamo il dovere di richiamare l’attenzione sulle proposte che attentano alla vita, alla legge naturale, al rispetto della dignità umana, alla verità e alla pratica della giustizia». Ed ancora i vescovi raccomandano che il Governo prenda in considerazione l'ecologia e l'uso razionale delle risorse naturali, «consultando al momento opportuno le località e le comunità nel cui territorio sono concesse le terre e le licenze di esercizio per lo sfruttamento delle risorse naturali». La Chiesa cerca di «prevenire futuri conflitti e gli scontri, che hanno causato così tanto dolore» (alludendo alla rivolta indigena di Bagua dove sono morte decine di persone nel 2009. Infine i presuli Vescovi ricordano le parole del documento di Aparecida, al n. 384: «È urgente la necessità di creare strutture per consolidare l'ordine sociale, economico e politico, in cui non ci sia disuguaglianza e dove sia data la stessa possibilità a tutti. Allo stesso modo, abbiamo bisogno di nuove strutture per promuovere un'autentica convivenza umana, per evitare la prepotenza di alcuni e facilitare il dialogo costruttivo per il necessario consenso sociale».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE