Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I muri non sono una soluzione

· Appello delle Nazioni Unite sull’immigrazione in Europa mentre si registrano nuovi sbarchi in Sicilia ·

Hollande e Merkel chiedono un’accelerazione delle procedure di registrazione

Nuovo dramma dell’immigrazione nel Mediterraneo. Un ragazzo somalo di 14 anni è morto ieri dopo essere stato soccorso dalla nave Dignity dell’organizzazione Medici senza Frontiere, impegnata in operazioni di salvataggio dei migranti nel Canale di Sicilia. Il decesso sarebbe avvenuto in seguito a un arresto cardiocircolatorio. 

Profuga di fronte alla barriera costruita dal Governo ungherese lungo il confine con la Serbia per fermare l’afflusso di migranti (Afp)

La notizia è stata diffusa questa mattina. La nave di Medici senza frontiere, che ha tratto in salvo circa trecento profughi nei giorni scorsi, tra cui donne e bambini, è attraccata oggi nel porto di Augusta. Gli sbarchi proseguono dunque senza sosta, mentre dalle Nazioni Unite arriva un nuovo monito: non bisogna sbattere la porta in faccia a chi, disperato in fuga da guerra e miseria, va in cerca di una vita migliore. «La costruzione di recinti, l’uso di gas lacrimogeni e altre forme di violenza contro migranti e richiedenti asilo, il ricorso alla detenzione, il negare o il trattenere l’accesso a un riparo, al cibo o all’acqua, nonché l’impiego di un linguaggio minaccioso o discorsi di odio, tutto questo non dissuaderà i migranti dal venire o dal cercare di venire in Europa» ha affermato oggi il relatore speciale delle Nazioni Unite sui diritti umani dei migranti, François Crépeau, in un comunicato pubblicato a Ginevra. Sottolineando che «la migrazione è qui per restare», l’esperto dell’Onu ha ribadito il suo appello all’Ue in vista di una politica basata sui diritti umani, coerente e globale. E sempre di immigrazione il cancelleiere tedesco, Angela Merkel, ha parlato ieri insieme al presidente francese, François Hollande, in un vertice sulla questione a Berlino. I leader hanno detto che i centri di registrazione dei profughi in Italia e Grecia vanno realizzati rapidamente, entro l’anno.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE