Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I martiri armeni

· Canonizzate da Karekin II le innumerevoli vittime del Metz Yeghérn ·

Verrà forse ricordata come la canonizzazione più numerosa della storia. 

Alla vigilia delle commemorazioni ufficiali del centenario del Metz Yeghérn, il “grande male” che colpì il popolo armeno nel 1915, la Chiesa apostolica armena ha canonizzato ieri l’immensa moltitudine di vittime — si stima circa un milione e mezzo di cristiani — della immane persecuzione perpetrata dall’impero ottomano. La cerimonia di canonizzazione è stata celebrata dal patriarca supremo e catholicos di tutti gli armeni, Karekin II, a Etchmiadzin, a una ventina di chilometri dalla capitale Erevan, davanti a un edificio risalente al IV secolo considerato come la cattedrale cristiana più antica al mondo. Al rito, al quale hanno partecipato anche numerosi armeni della diaspora, era presente, in rappresentanza del Papa, il cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE