Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I luoghi della nuova evangelizzazione

Oggi, nelle aree secolarizzate del mondo, in paesi come l’Italia nei quali il numero dei matrimoni religiosi è in calo costante, così come quello dei battesimi, l’unico momento in cui le persone non credenti o indifferenti partecipano a una cerimonia religiosa è in occasione di un funerale. Anche per persone che non frequentavano più la chiesa da decenni, è infatti difficile rinunciare al funerale cristiano, data l’assenza di qualsiasi altra forma cultuale alternativa. Affrontare la morte non è facile per nessuno, e tutti hanno bisogno di un rito.

Capita così sempre più spesso di trovarsi ad assistere a cerimonie religiose in cui il sacerdote officiante non conosce il defunto, né i suoi familiari, e i partecipanti sono per la quasi totalità non credenti, o almeno non praticanti. Certo per il sacerdote è difficile, in questi casi, fare un’omelia dignitosa, riuscire a trovare parole di consolazione ma al tempo stesso di riflessione profonda, quali la circostanza richiede. L’abitudine che si è diffusa, poi, di parlare del defunto familiarmente usando il nome proprio, come se si avesse intessuto con lui un legame di vicinanza e di amicizia, anche quando è chiaro che non esisteva nessun legame, rende ogni discorso poco sincero agli occhi degli astanti.

Non è facile questa situazione, lo ripetiamo, però sarebbe anche un’occasione eccezionalmente favorevole per far conoscere le parole di Gesù, per far capire il suo modo di affrontare e di vincere la morte. Per farlo, però, bisogna avere il coraggio di pronunciare la parola morte, di dire la verità sul senso di angoscia e di sgomento che prende tutti davanti a una bara che non solo rappresenta la fine di un legame umano, magari profondo e vitale, ma anche ci obbliga a confrontarci con la nostra stessa morte.

E oggi questo coraggio sembrano non possederlo più neppure non pochi uomini di chiesa, che perfino davanti a un feretro parlano spesso soltanto di amore, di gioia, di continuità. Ma di morte, di abbandono, di solitudine, mai. E quindi non toccano il cuore dei presenti, che si vedono così confermati nella loro scelta di tenersi fuori dalla sfera religiosa, e che cercano quindi solo di fuggire più velocemente possibile per dimenticare che anche loro devono morire.

Bisogna comprendere la realtà in cui viviamo, e riconoscere che i luoghi della nuova evangelizzazione, oggi, sono spesso proprio i funerali. E bisogna quindi preparare i sacerdoti, e ora anche i laici, come avviene in alcune regioni d’Europa, a riconoscerli e ad affrontarli con gli strumenti spirituali e pastorali adeguati.

di Lucetta Scaraffia

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 giugno 2018

NOTIZIE CORRELATE