Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I giovani sulle tracce dei martiri

· Sesta giornata asiatica ·

«Venite e vedrete»: è l’invito che Gesù rivolge ai discepoli, come annota l’evangelista Giovanni. Su questa sollecitazione si è aperta la sesta giornata della gioventù asiatica, mercoledì, 13 agosto, nel santuario di Solomoe. Il raduno è stato aperto con la celebrazione della messa nel luogo di nascita del primo sacerdote coreano, sant’Andrea Kim Taegon. Il secondo giorno è dedicato alla scoperta delle radici della fede. Servirà per rendere omaggio a quanti hanno offerto la propria vita per Cristo e coerenti agli insegnamenti del Vangelo. La terza giornata è all’insegna dell’invito a riflettere sullo slogan «Gioventù, batti un colpo». La quarta giornata sarà dedicata al pellegrinaggio nei luoghi legati ai vari martiri coreani. Un momento, quindi, di preghiera e di raccoglimento per ricordare e attualizzare l’esempio di tanti testimoni di Cristo. Domenica, 17 agosto, la sesta edizione della giornata della gioventù asiatica si concluderà con la partecipazione alla messa celebrata da Papa Francesco, presso il piazzale del castello di Haemi.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE