Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I giovani algerini in rivolta chiedono pane e lavoro

· Mentre si estende l'analoga protesta in Tunisia ·

La protesta per il pane in Algeria è sfociata in vera e propria guerriglia, che ha già provocato morti. Migliaia di giovani hanno ingaggiato scontri con la polizia ad Algeri e in altre città, da Annaba e Tizi Ouzou, da Orano alla regione berbera della Cabilia, fino alla regione sahariana, a Ouargla e Ghardaia, e a Tebessa, vicino al confine con la Tunisia. Il ministro dell'interno algerino, Ould Kablia, citato dall'agenzia di stampa ufficiale Aps, ha parlato di due morti, un uomo ucciso dal lancio di un lacrimogeno a Bou Smail, cinquanta chilometri a ovest di Algeri, e un diciottenne colpito ieri da proiettili, nel comune di Ain Hadjel, a circa duecento chilometri a sud est di Algeri. Il ministro ha aggiunto che negli scontri sono stati feriti trecento agenti. Non c'è invece conferma ufficiale della morte, riferita da organi di stampa locali, di un altro giovane, ferito ieri pomeriggio a M’Sila da colpi d'arma da fuoco.

Secondo l'Aps, ad Algeri giovani armati di pietre, coltelli e bastoni hanno affrontato le forze di sicurezza che tentavano di disperdere la folla con lacrimogeni e cannoni ad acqua. A Baraki è stata devastata una fabbrica di televisori. A Sidi M'hamed è stato saccheggiato un museo.

A far scoppiare la protesta è stata la mancanza di lavoro e di prospettive per i giovani, che rappresentano il 70 per cento della popolazione, ma anche gli ultimi rincari di alcuni alimenti, come zucchero, olio e farina, alla base della dieta delle classi più disagiate.

Il ministro del Commercio, Mustapha Benbada, ha convocato per oggi un consiglio interministeriale per «esaminare il modo di frenare il forte aumento dei prezzi di alcuni prodotti alimentari di largo consumo», come si legge in un comunicato. Da parte sua, il ministro della Gioventù e dello Sport, Hashemi Djiar, ha esortato i giovani a dialogare, invece di abbandonarsi ad atti di vandalismo. Al tempo stesso, una nota delle associazioni dei principali produttori d’olio algerini ha annunciato la sospensione di ogni aumento di prezzi per essere «al fianco dei cittadini e delle istituzioni in un momento così delicato».

Analoghe proteste, intanto, si susseguono da giorni in Tunisia, dove anche ieri cinque persone sono rimaste ferite in scontri a Sidi Bouziz.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

15 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE