Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I cardini della società

La Santa Sede condivide il «turbamento» espresso dal presidente della Repubblica italiana a proposito delle indiscrezioni dei media sul caso giudiziario che coinvolge il presidente del Consiglio dei ministri, e segue «con preoccupazione» la vicenda. Lo ha detto nel tardo pomeriggio di ieri il cardinale Tarcisio Bertone, segretario di Stato di Benedetto XVI, conversando con i giornalisti a margine dell'inaugurazione di una casa di accoglienza dell'ospedale pediatrico romano Bambino Gesù, della quale abbiamo riferito nell'edizione di ieri.

Nel suo richiamo il porporato si è rivolto a tutti coloro che — nel campo politico e amministrativo come in quello giudiziario — rivestono ruoli di responsabilità pubblica: «La Chiesa spinge e invita tutti, soprattutto coloro che hanno una responsabilità pubblica di ogni genere, in qualunque settore amministrativo, politico e giudiziario, ad avere e ad assumere l'impegno di una più robusta moralità, di un senso di giustizia e di legalità». Per questo — ha aggiunto il cardinale Bertone — «segue con attenzione e con preoccupazione queste vicende italiane, alimentando la consapevolezza di una grande responsabilità soprattutto di fronte alle famiglie, alle nuove generazioni, di fronte alla domanda di esemplarità e ai problemi che pesano sulla società italiana».

«Credo — ha affermato il cardinale — che moralità, giustizia e legalità siano i cardini di una società che vuole crescere e che vuole dare delle risposte positive a tutti i problemi del nostro tempo».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

05 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE