Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I beni e le opere

· Concluso il simposio internazionale sull’economia nella vita consacrata ·

Fedeltà al carisma, tutela dei beni ecclesiastici, sostenibilità delle opere, capacità di render conto, povertà. Sono i criteri che devono essere alla base delle future scelte operative dei consacrati nella gestione dell’economia. A indicarli è stato l’arcivescovo José Rodríguez Carballo a conclusione del secondo simposio internazionale sull’economia svoltosi dal 25 al 27 novembre, nell’auditorium della Pontificia Università Antonianum di Roma.

Il segretario della Congregazione per gli istituti di vita consacrata e le società di vita apostolica ha sottolineato come sia necessaria la fedeltà al carisma perché le opere e le risorse dell’istituto vengano messe al suo servizio. La tutela dei beni ecclesiastici è indispensabile per la salvaguardia del patrimonio stabile e, quindi, del complesso dei beni necessari per garantire l’autosufficienza economica e la sopravvivenza dell’istituto, nonché per agevolare il conseguimento dei suoi fini. La sostenibilità delle opere viene intesa come «necessità di esame preventivo e verifica in merito alla capacità delle opere di mantenere, nel contempo, fedeltà al carisma ed equilibrio economico». La capacità di render conto significa indicare gli obiettivi e specificare le modalità operative per raggiungerli. Vuol dire anche rispetto della disciplina canonica e civile e attitudine ad assumersi la responsabilità dei risultati di gestione.

Riguardo alla povertà è necessario che l’uso dei beni sia sempre secondo le finalità a cui sono destinati. Ciò comporta anche il distacco da una concezione proprietaria di questi beni. «Da tali criteri — ha concluso il presule — possono essere ricavate alcune indicazioni operative, da declinare secondo le specifiche caratteristiche degli istituti, con particolare riferimento a natura e attività svolte, dimensione e articolazione, contesto territoriale di operatività, legislazione statuale applicabile e scelte organizzative adottate». 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 settembre 2019

NOTIZIE CORRELATE