Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I bambini non sono mai il problema

· La Chiesa in Brasile sui casi di violenza di cui sono vittime i “meninos da rua” ·

È allarme in Brasile per la sorte di tanti bambini di strada che perdono la vita in maniera violenta. Si calcola, secondo stime approssimative, che rimangano uccisi ogni giorno, soprattutto nelle periferie delle grandi città, 150 minori. Solo da poco il fenomeno si è posto con forza al centro dell’attenzione della stampa locale e anche delle televisioni. «A Tarde», quotidiano di Salvador da Bahia, è stato tra i primi a denunciare questa tragedia spesso colpevolmente lasciata sotto silenzio, dandone un quadro complesso.

Il dramma dei bambini brasiliani infatti ha contorni indefiniti, a tratti inquietanti. I piccoli mendicanti molto spesso finiscono nelle mani di sfruttatori senza scrupoli, in alcuni casi la loro morte è il danno collaterale di regolamenti di conti. In altri casi rimangono vittime di operazioni contro la criminalità, compiute, se non altro, con scarsa attenzione all’incolumità dei minori. Episodi che hanno alimentato il sospetto di quanti affermano che approfittando delle operazioni di polizia qualcuno possa essere tentato dalla possibilità di sperimentare una giustizia sommaria, a carico dei piccoli senza tetto che spesso si rendono colpevoli di atti di microcriminalità.

Su questo punto è intervenuto, sullo stesso «A Tarde», dom Murilio Sebastião Ramos Krieger, arcivescovo di São Salvador da Bahia. Di fronte alla possibilità di comportamenti ispirati dalla volontà di una giustizia fai da te, il presule esorta a ripensare che «è violenza anche la corruzione, la distruzione dell’ambiente (vedi la foresta amazzonica) e degli indios, lo spaccio della droga, la schiavitù bianca praticata nelle innumerevoli tenute agricole del Paese», realtà da cui i meninos sono lontani. «Perché non allargare lo sguardo — ha detto l’arcivescovo — e denunciare anche queste forme di violenza, anziché prendersela solo con i bambini poveri, neri, facilmente identificabili?».

di Egidio Picucci

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

23 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE