Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

I ragazzi delle stelle

Non saranno famosi come i cantanti di Sanremo ma i giovanissimi che in piazza San Pietro hanno intrecciato le loro voci per Papa Francesco non suscitano certo meno emozioni: hanno dato vita a un vero e proprio festival della speranza i trentotto ragazzi autistici cinesi dell’orchestra di Shangai insieme con i tredici piccoli bolzanini, originari di tredici nazioni, che formano il coro Le stelle che cantano.

Il gruppo di Shangai, un’eccellenza mondiale nel campo della musicoterapia, in Italia per una serie di concerti, dà modo a centinaia di ragazzi con autismo di esprimersi attraverso la musica. Offrendo anche un segnale di speranza alle loro famiglie. I piccoli autistici, spiega il maestro Cao Peng, «in Cina sono chiamati i bambini delle stelle». E proprio le stelle sono l’immagine scelta a Bolzano per esprimere il senso del coro multietnico, fondato nel 2013. «È un progetto di integrazione — spiegano i responsabili Pedro Gilberto Rincon Campos e Victoria Bureo Sanchez — che avvicina, attraverso la musica popolare di tutto il mondo, bambini tra i tre e i dodici anni di ogni religione e cultura». E così del coro fanno parte bambini nati in Italia, i cui genitori provengono da Cina, Kurdistan iracheno, India, Ecuador, Perú, Brasile, Moldavia, Albania e Turchia.

Per evitare che prendessero freddo, Francesco ha salutato le persone ammalate in aula Paolo VI. E con loro ha recitato l’Ave Maria. 

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

24 luglio 2019

NOTIZIE CORRELATE