Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Hamas scioglie
il governo a Gaza

· Accolte le condizioni poste da Al Fatah ·

Hamas ha annunciato ieri lo scioglimento del proprio esecutivo a Gaza con una iniziativa che, accogliendo le condizioni poste da Al Fatah, apre la porta a elezioni generali palestinesi da svolgersi sia nella Striscia che in Cisgiordania.

L'annuncio è arrivato in conseguenza del processo di mediazione messo in atto dall’Egitto con l’obiettivo dichiarato di giungere alla riconciliazione e porre fine alla divisione interna palestinese. In sostanza Hamas, che ha vinto le elezioni per la prima volta a Gaza nel 2007, ha accettato di sciogliere il comitato amministrativo che governa la Striscia per restituire il potere a un governo di unità. Il movimento ha anche fatto sapere di essere pronto a nuovi colloqui al Cairo con rappresentanti del governo di Al Fatah guidato dal primo ministro Rami Hamdallah e con altre fazioni per la formazione di un esecutivo di unità. Nella sua prima reazione, il presidente palestinese, Mahmud Abbas, ha detto che esaminerà la questione dei rapporti con Hamas solo al ritorno da New York, dove si trova per incontrare oggi il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e per pronunciare il suo discorso all’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Secondo quanto dichiarato dall’ex ministro palestinese Ashraf al-Ajrami, la svolta annunciata da Hamas, «dischiude forse all’orizzonte una vera riconciliazione» con Al Fatah. «Se si tratta di una mossa concreta — ha aggiunto — dal presidente giungerà una risposta positiva». Ma per nuove elezioni — ha avvertito — «occorre ancora tempo. Prima va ricostruita la fiducia reciproca». Il governo di Hamas a Gaza è stato costituito a marzo scorso dopo momenti di teso confronto con ministri del governo di Cisgiordania. Il presidente Mahmud Abbas aveva reagito adottando una serie di provvedimenti volti a fare pressione su Hamas.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 gennaio 2020

NOTIZIE CORRELATE