Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

​Guerra mondiale
per l’acqua

· ​Grido d’allarme lanciato dal Papa ·

Il mondo sta andando «verso la grande guerra mondiale per l’acqua»? È il preoccupato interrogativo posto dal Papa venerdì pomeriggio, 24 febbraio, durante la sessione di chiusura del seminario sul diritto umano all’acqua, promosso dalla Pontificia Accademia delle scienze e apertosi il giorno precedente nella Casina Pio IV, in Vaticano.

In cammino per la raccolta dell’acqua in Somalia (Reuters)

Di fronte a studiosi, esperti ed esponenti religiosi provenienti dai cinque continenti il Pontefice ha lanciato un nuovo grido d’allarme sull’emergenza idrica nel mondo, ricordando che ogni giorno mille bambini muoiono «a causa di malattie collegate all’acqua» e milioni di persone «consumano acqua inquinata»: dati «sconvolgenti» — ha commentato — che «non possono lasciare indifferenti» e che spingono a darsi da fare per «frenare e invertire questa situazione». Per Francesco «non è tardi, ma è urgente prendere coscienza del bisogno di acqua e del suo valore essenziale per il bene dell’umanità».

Il Papa ha ribadito che «dove c’è acqua c’è vita». Ma, ha precisato, «non tutta l’acqua è vita: solo l’acqua sicura e di qualità», quella che — ha detto citando san Francesco — «serve con umiltà». Da ciò deriva che «ogni persona ha diritto all’accesso all’acqua potabile e sicura»; si tratta dunque di «un diritto umano essenziale e una delle questioni cruciali nel mondo attuale».

In questa prospettiva si rende «necessario attribuire all’acqua la centralità che merita nell’ambito delle politiche pubbliche». Per il Pontefice «e imprescindibile annunciare questo diritto umano essenziale e difenderlo, ma anche agire in modo concreto, assicurando un impegno politico e giuridico con l’acqua». In particolare Francesco ha invitato ogni Stato a rendere operative le risoluzioni approvate dall’assemblea generale delle Nazioni Unite nel 2010 sul diritto umano all’acqua potabile e all’igiene. Perché «il diritto all’acqua è determinante per la sopravvivenza delle persone e decide il futuro dell’umanità» ha ripetuto con forza, aggiungendo subito dopo: «Mi domando se, in mezzo a questa “terza guerra mondiale a pezzetti” che stiamo vivendo, non stiamo andando verso la grande guerra mondiale per l’acqua».

Il discorso del Papa  

               Il testo della dichiarazione finale sottoscritta da Papa Francesco

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE