Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Liberato un gruppo di bambini

· In Sud Sudan finisce l’incubo per 145 minori arruolati da gruppi armati ·

In Sud Sudan, sono stati rilasciati ieri 145 minorenni costretti a combattere da gruppi armati. Lo ha annunciato l’Unicef. Si tratta del più alto numero di bambini soldato mai liberati dal 2015, quando ne erano stati rilasciati 1775, ha sottolineato in una nota il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia.

È stato stimato che ben 16.000 bambini siano stati reclutati da forze e gruppi armati in tutto il paese africano in seguito ai combattimenti iniziati nel dicembre 2013. Dall’inizio del 2016, ne sono stati reclutati oltre 800. «Speriamo che al rilascio di ieri ne seguano molti altri, così che i 16.000 bambini che sono ancora presenti nelle forze e gruppi armati possano tornare presto dalle loro famiglie» ha dichiarato Mahimbo Mdoe, rappresentante dell’Unicef nel Sud Sudan. Durante le fasi del rilascio, avvenuto da parte dei gruppi armati Fazione cobra e Spla in opposition, i minorenni sono stati formalmente disarmati, dotati di abiti civili e registrati per un programma di reinserimento, spiega una nota. Nel giovane paese africano — diventato uno stato indipendente il 9 luglio 2011, a seguito di un referendum passato con il 98,83 per cento dei voti — la situazione è sempre più grave. Varie organizzazioni dei diritti umani denunciano ripetute violenze, soprattutto contro civili inermi. Da domani (e fino al 30 ottobre), una missione del Consiglio per la pace e la sicurezza dell’Unione africana (Aupsc) si recherà a Juba per valutare gli ultimi, drammatici sviluppi del confronto armato che vede opposte le forze governative del capo dello stato, Salva Kiir, a quelle del vice presidente, Riek Machar. Combattimenti che hanno provocato migliaia di morti e la fuga di milioni di persone. Al momento, il Sud Sudan è uno dei paesi al mondo con i livelli più alti di migrazioni forzate a causa di guerre. Circa un sudsudanese su quattro è uno sfollato interno o un rifugiato nei paesi confinanti. Da più parti si chiede che l’Auspc agisca per assicurare l’istituzione di un tribunale indipendente in grado di indagare e punire i crimini.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

16 dicembre 2017

NOTIZIE CORRELATE