Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Grazie ai corridoi umanitari
sbarcati a Roma cinquantotto siriani

· ​Il presidente di Sant’Egidio: «Gesto che unisce l’Italia» ·

Giungono oggi all’aeroporto di Fiumicino i 58 profughi siriani provenienti dal Libano grazie ai corridoi umanitari promossi da Comunità di Sant’Egidio, Federazione delle Chiese Evangeliche e Tavola Valdese, in accordo con i ministeri dell’Interno e degli Esteri. Con loro sono oltre 2500 le persone accolte e integrate in Europa con un progetto della società civile totalmente autofinanziato, nato in Italia, ma poi adottato anche da altri Paesi.

«Questo è un gesto che unisce l’Italia, divisa su tante cose, e fa riemergere la tradizione umanistica, civile e cristiana, del nostro paese», ha detto Marco Impagliazzo, presidente della Comunità di Sant’Egidio. Dal febbraio 2016 oltre 2000 persone sono già arrivate in Italia (più di 1500 dal Libano, altri 500 dall’Etiopia), oltre alle circa 500 giunte in Francia, Belgio e Andorra. I 58 nuovi profughi saranno accolti da associazioni, parrocchie, comunità e famiglie — che in alcuni casi hanno offerto le loro case — in diverse regioni italiane. In questo modo, grazie alla generosità e all’impegno volontario e gratuito di tanti italiani, sarà possibile avviare subito un percorso di integrazione che comprende l’apprendimento della lingua italiana per gli adulti, la scuola per i minori e l’inserimento lavorativo, una volta ottenuto lo status di rifugiato.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

12 novembre 2019

NOTIZIE CORRELATE