Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gravi rischi per i bambini migranti

· ​Allarme dell’Unicef sui minori in viaggio verso gli Stati Uniti ·

Bambini migranti in Messico (Onu)

Molti bambini che viaggiano con la carovana di migranti arrivata in Messico mostrano segni di angoscia e disagio psicosociale. In alcuni casi esprimono paura di incorrere in violenze o nella separazione dalle loro famiglie, mentre altri bambini hanno difficoltà a impegnarsi nelle attività ludiche e ricreative. L’allarme è stato lanciato dagli operatori del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (Unicef) che si trovano sul campo a sostegno dei minori presenti nel gruppo di migranti.

L’Unicef, insieme ai suoi partner, sta rapidamente incrementando il suo supporto negli interventi psicosociali per raggiungere i bambini in difficoltà, sottoposti a una serie di possibili fattori stressanti tra i quali la tristezza di lasciare la propria casa e i propri cari, l’incertezza per il viaggio, i cambiamenti estremi e improvvisi, la perdita delle proprie abitudini, la stanchezza fisica, la disidratazione e le malattie. Alcuni possono anche essere stati esposti a eventi traumatici nei loro paesi d’origine, come la violenza di gruppo e di genere, o la separazione dalle loro famiglie. Uno qualsiasi di questi fattori potrebbe influire negativamente sul benessere fisico e psicologico dei bambini e causare, se non viene affrontato immediatamente, situazioni di stress dannose nel presente e nel futuro. Il sostegno psicosociale può aiutare a ridurre sui bambini l’impatto dell’abbandono della propria casa e di condizioni di viaggio faticose ed estenuanti. Il Fondo dell’Onu ha ribadito inoltre il suo invito a tutti i governi a dare priorità al superiore interesse dei bambini nell’applicazione delle leggi e delle procedure sull’immigrazione, a tenere unite le famiglie e a trovare alternative alla detenzione dei minorenni migranti.

Il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha però ribadito l’intenzione di usare il massimo rigore per evitare che i migranti entrino nel paese.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 novembre 2018

NOTIZIE CORRELATE