Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Grandi e urgenti
i bisogni dei poveri in Argentina

· Caritas invita a uno sforzo di generosità in occasione della prossima colletta ·

In Argentina la situazione sociale dei settori più poveri della popolazione «è complicata e complessa da molti anni»: lo ha detto lunedì scorso il direttore nazionale della Caritas, Horacio Cristiani, durante la conferenza stampa con la quale ha illustrato la colletta annuale dell’organismo ecclesiale, in programma sabato 11 e domenica 12 giugno in tutte le parrocchie del Paese. 

Il tema «Si das lo mejor de vos el mundo será distinto», riprende una frase di Papa Francesco rivolta ai giovani cubani nel settembre 2015 durante il viaggio apostolico che lo portò anche negli Stati Uniti e in visita alla sede dell’Onu.

«I bisogni dei poveri — ha osservato Cristiani — sono molto grandi e urgenti; il costo della vita e l’aumento dei prezzi rendono necessario che anche le donazioni siano molto significative. La situazione è difficile, quella sociale in particolare lo è da parecchio tempo», ha sottolineato il direttore ricordando che la Caritas assiste ogni giorno «oltre millecinquecento persone a pranzo, a merenda e a colazione, compiendo così un servizio molto importante per i nostri fratelli più indigenti». Fondamentale poi il lavoro svolto nei centri di assistenza educativa, dove si offre una “super merenda” a quindicimila bambini, e l’attenzione quotidiana alle nuove povertà, soprattutto alle dipendenze, che «rendono i giovani poveri ancora più poveri». Cristiani ha inoltre evidenziato che il rincaro delle bollette della luce, del gas e dell’acqua ha «complicato» l’opera della Caritas in tutto il Paese, affermando tuttavia che non impediranno lo svolgimento del compito; rappresentano solo «una sfida in più».

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

22 agosto 2019

NOTIZIE CORRELATE