Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Grandezza della libertà
e della verità

· ​Giacomo Biffi ·

Anticipiamo ampi stralci della testimonianza, a firma dell’arcivescovo presidente del Pontificio Consiglio per la promozione della nuova evangelizzazione, raccolta da Roberto Cutaia nel volume in uscita in questi giorni Giacomo Biffi. Il cardinale dal profumo di Cristo (Città del Vaticano, Lateran University Press, pagine 114, euro 15). 


«Dopo i primi minuti che ascolto una relazione incomincio ad arricciare il naso e penso dove il conferenziere vuole andare a parare. Con lei non è successo, sono rimasto in ascolto per tutto il tempo e condivido tutto quanto ha detto. Grazie!». Sono le parole che il cardinale Biffi con estrema generosità e il suo sorriso accattivante mi confidò all’orecchio dopo una mia relazione ai sacerdoti di Bologna. Ci eravamo già incontrati in altre circostanze, ma devo confessare che parlare ai suoi sacerdoti nei rituali incontri mensili che si svolgono, mi aveva messo un po’ in agitazione. Ero vescovo ausiliare di Roma da alcuni mesi ed essere invitato dal cardinale Biffi non era un affare da poco. La sua gentilezza e affabilità unita sempre a quella bonomia sorridente coniugata con una buona dose di ironia, mi ha permesso di trovare in lui spontaneamente una porta aperta all’incontro interpersonale. Quelle parole, comunque, le porto con me come segno di stima e affetto per un giovane confratello che ha sempre incoraggiato in ogni occasione.

di Rino Fisichella

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

19 marzo 2019

NOTIZIE CORRELATE