Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gli Stati Uniti e lo spettro del crac

· Il debito mai così alto dalla seconda guerra mondiale ·

Il debito americano ha superato per la prima volta i 14.000 miliardi di dollari. Un dato di natura non soltanto economica, ma anche politica: l'annuncio del Tesoro avviene quasi in concomitanza con la seduta inaugurale del nuovo Congresso uscito dalle elezioni di mid-term. Una delle partite chiave, a livello finanziario, sarà proprio quella del tetto del debito federale, che i repubblicani non sono disposti ad alzare. Tuttavia — sostiene la Casa Bianca — la misura è indispensabile, altrimenti si rischia il crac. Il nuovo Congresso risulta profondamente mutato negli equilibri politici: i repubblicani controllano la Camera dei rappresentanti e al Senato, sebbene sulla carta i numeri diano ragione ai democratici, il loro peso è aumentato. In un messaggio, ieri, Obama ha chiesto collaborazione ai due leader dello schieramento opposto: John Boehner, il nuovo speaker alla Camera, e Mitch McConnell, il capogruppo al Senato. Ma non sarà facile, dicono gli analisti. I repubblicani hanno già annunciato di voler tagliare cento miliardi di spesa pubblica entro la fine dell'anno.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

05 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE