Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gli invisibili

· Il dramma dei minori migranti e rifugiati vittime delle mafie ·

È alto un soldo di cacio. E non ha un nome. Glielo hanno rubato. Di lui non importa quasi a nessuno. E a nessuno sembra neppure importare dove siano andati a finire lui e gli altri 10.000 bambini migranti che l’Europol dà per scomparsi in Europa. Una cifra, resa nota un mese fa, che rivela la mancanza di controllo e di mezzi da parte delle autorità europee per garantire i diritti dei minori che varcano le frontiere come immigrati, fuggendo dalla povertà, o come rifugiati, scappando della guerra.

La copertina della rivista spagnola  «Vida Nueva» che dedica l’ultimo numero  ai minori migranti scomparsi

È passato un mese e quei bambini sono ancora perduti. E dimenticati quasi da tutti. Questa è l’anestesia che favorisce la cultura dell’indifferenza condannata da Papa Francesco. È successo anche in Spagna, quella Spagna che guardava l’Italia, la Germania e la Svezia deplorando quanto accadeva, con la consapevolezza che il dramma era lontano. Eppure, secondo i dati della Croce Rossa spagnola ai quali il gruppo di ricerca della rivista «Vida Nueva» ha avuto accesso, nel 2015 si sono perse le tracce di 113 bambini migranti.

«Purtroppo questi numeri non sono altro che la punta dell’iceberg» avvertono dalla Croce Rossa, convinti che si tratti di minori rubati alle loro famiglie, caduti nelle mani delle mafie e sfruttati. Se si confrontano questi dati con quelli forniti da altri enti che lottano contro la tratta delle persone, la cifra potrebbe aumentare considerevolmente. Lo testimoniano sia la Fundación Amaranta sia il Proyecto Esperanza, organizzazioni delle religiose adoratrici che cercano di salvare le donne e i bambini vittime della tratta e della prostituzione. «È duro dirlo, ma i bambini che scompaiono dai nostri centri non vengono più ritrovati» denuncia Pilar Casas, direttrice di Amaranta.

di José Beltrán

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

26 aprile 2019

NOTIZIE CORRELATE