Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gli incontri con Dio

Le donne che incontrano Dio e dedicano la loro vita a testimoniare questo rapporto — sia religiose che laiche — sono molto creative, e rispondono alla chiamata in mille modi, che si differenziano nel tempo e nello spazio, oltre che nel tipo di risposta che danno alla chiamata.

La laica Christine McGrievy ha dedicato la vita a un particolare e nuovo tipo di assistenza: la convivenza con i disabili mentali, anche molto gravi, creando legami umani in cui l’amore e l’accettazione totale dell’altro trasformano e quasi trasfigurano rapporti in sé molto difficili e quasi sempre poco gratificanti. Molto originale è anche la scrittrice medievale a cui dedichiamo lo spazio della spiritualità: Margherita Porete, morta sul rogo ma autrice di uno dei trattati di mistica più fortunati della cultura cristiana, Lo specchio delle anime semplici, circolato senza il nome dell’autore, e forse proprio per questo ripreso e sviluppato da Meister Eckart e dopo di lui dalla filosofia tedesca. Ancora diverse le donne della nostra inchiesta: le coreane, spesso di recente conversione, che si impegnano in una vita di preghiera e di carità, organizzate in un’associazione dedicata a Maria. Esse trovano così una dignità che la cultura locale negava loro.

Da una simile e condivisa scelta di fede sono germogliati tanti modi differenti di tradurre in carità per gli altri — nell’assistenza e nella parola — l’amore di Dio che sapevano di ricevere, di cui sentivano — e sentono — il calore e l’intensità. Donne capaci di rispondere alle esigenze del tempo e del luogo in cui si trovano a vivere, vedendo in ogni situazione l’occasione di testimoniare la loro identità cristiana: sono un modello vivo di evangelizzazione. Un modello oggi molto necessario perché, come dice la metodista Sarah Frances Davis, «Saranno gli evangelizzatori a essere messi sotto la lente d’ingrandimento, e non i processi, i programmi o i piani (...). La gente vuole sapere che cosa ciò che gli evangelizzatori stanno proponendo ha già operato nelle loro vite».(l.s)

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

06 dicembre 2019

NOTIZIE CORRELATE