Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Per gli esclusi
del mondo

· Il segretario di Stato celebra il mezzo secolo della comunità di Sant’Egidio ·

«Non smettete di tornare alla Parola di Dio»: è questa la consegna affidata dal cardinale Pietro Parolin alla comunità di Sant’Egidio in occasione delle celebrazioni per i cinquant’anni di attività, perché — ha spiegato — «l’ascolto quotidiano della Parola, dalla bella basilica di Santa Maria in Trastevere a ogni angolo di Roma e del mondo è stato il filo rosso della storia» del movimento internazionale di laici nato nel Sessantotto.

Ann Lukesh «Gesù e il lebbroso»

Presiedendo nel pomeriggio di sabato 10 febbraio, a San Giovanni in Laterano, la liturgia eucaristica di ringraziamento al Signore, il segretario di Stato ha commentato il Vangelo della sesta domenica del tempo ordinario (Marco 1, 40-45) alla luce del carisma e delle opere della Comunità. «L’evangelista — ha esordito — narra l’incontro di Gesù con un lebbroso a Cafarnao nella periferica Galilea» quando «la lebbra era una malattia che oltre alla sua intrinseca gravità, escludeva per sempre dal popolo» e chi ne era affetto «era considerato una sorta di morto vivente». Ma, la guarigione operata da Gesù libera «dalla segregazione», così come «liberare dalla segregazione e dalla solitudine, inserendo nel circuito della vita, è quello che fate da quando — giovani studenti — avete affrontato con passione le borgate romane, oltrepassando tante barriere», ha detto rivolgendosi direttamente ai presenti, tra i quali il fondatore Andrea Riccardi e il presidente Marco Impagliazzo. Con loro, l’arcivescovo vicario di Roma, Angelo De Donatis, rappresentanti della Comunità in vari paesi, ambasciatori e cristiani di diverse confessioni.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

21 maggio 2019

NOTIZIE CORRELATE