Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gli auguri del Papa per il Natale

Veritas de terra orta est! («La Verità è germogliata dalla terra»): sono le parole — tratte dal Salmo 85, 12 — che Benedetto XVI ha scelto quest'anno per il biglietto di auguri natalizi destinato alla Curia romana, ai dipendenti del Vaticano e a tutti i fedeli che parteciperanno nei prossimi giorni a udienze e celebrazioni.  Il Papa le ha scritte di suo pugno, facendole riprodurre dalla Tipografia Vaticana su un bigliettino, insieme all’immagine del dipinto «La natività e l’adorazione dei pastori» di Leandro Bassano (1557-1622), conservato nell’appartamento privato  del Palazzo Apostolico vaticano. Continua così la consuetudine dei Pontefici — inaugurata nel 1963 da Paolo VI — di stampare immaginette e cartoncini augurali a Natale, Pasqua e in altre particolari solennità, con una frase autografa — tratta dalle Scritture, dai padri della Chiesa o dal lezionario — e una raffigurazione artistica in tema con la ricorrenza liturgica.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

20 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE