Avviso

Questo sito utilizza cookies...
I cookies sono piccoli file di testo che aiuto a migliorare la sua esperienza di navigazione nel nostro sito. Navigando in ogni parte di questo sito lei autorizza l'utilizzo dei cookies. Maggiori informazioni sulla policy dei cookies visualizzando le Condizioni di utilizzo.

Gli anglicani dicono no alle donne vescovo

· I laici determinanti nel voto al Sinodo generale della Church of England ·

Un “no” quasi inatteso, ma «questo voto non rappresenta certamente la fine della storia»: a sottolinearlo alla radio inglese Bbc è stato l’arcivescovo di Canterbury e primate della Comunione anglicana, Rowan Williams, dopo la bocciatura, a sorpresa, da parte del Sinodo generale della Church of England (che si conclude oggi) della proposta sulla consacrazione delle donne vescovo. Per il rigido sistema che regola l’attività del Sinodo non sono infatti stati raggiunti, in ciascuna delle tre Houses, in cui si suddivide l’organismo rappresentativo, i due terzi necessari ad accogliere la proposta.  Per l’attuale arcivescovo di Canterbury e primate — che assieme al recentemente nominato suo successore, il vescovo di Durham Justin Welby, si erano espressi per il “sì” alle donne vescovo — si tratterebbe comunque soltanto di una battuta di arresto. Entro tre anni infatti la proposta potrà, in base ai regolamenti, essere nuovamente sottoposta all’attenzione del Sinodo per un’eventuale approvazione.

EDIZIONE STAMPATA

 

IN DIRETTA

Piazza S. Pietro

17 ottobre 2019

NOTIZIE CORRELATE